Autenticare il vino NFT con la blockchain

Laava collabora con aziende di tutto il mondo, portando la lotta alla contraffazione in prima linea, ma siamo sempre entusiasti di vedere i nostri partner e clienti nelle notizie. Continuate a leggere per scoprire come il nostro lavoro con Vinsent sui futures del vino NFT ha attirato l’attenzione di un esperto internazionale di criptovalute.
  • Casa
  • >
  • Blog
  • >
  • Autenticare il vino NFT con la blockchain

Di recente è arrivata nelle nostre caselle di posta elettronica una newsletter di Stansberry Research che includeva un articolo sul partner Laava Vinsent , un mercato digitale del vino alimentato dalla blockchain. Vinsent consente agli amanti del vino di tutto il mondo di entrare in contatto diretto con le aziende vinicole. Ora è in commercio sia in vino gettoni non fungibili (NFT) e vino fisico in bottiglia.

Il pezzo è stato scritto da Eric Wade , redattore, Crypto Capital presso Ricerca Stansberry , una società di ricerca finanziaria indipendente che produce consigli imparziali su argomenti relativi a investimenti e reddito, tecnologia, tendenze di mercato, analisi macroeconomica e trading di opzioni. Stansberry pubblica approfondimenti proprietari a oltre 350.000 abbonati individuali in più di 100 Paesi.

Il CEO di Vinsent è Jacob Ner-David , imprenditore e autoproclamatosi “uomo del vino”. “L’azienda di Ner-David sta rivoluzionando l’industria del vino”, scrive Wade. Come? Sta risolvendo uno dei maggiori problemi che i viticoltori di tutto il mondo devono affrontare, soprattutto quelli che esportano verso i mercati asiatici.

“Cominciamo dall’inizio con il problema principale dell’industria del vino. Sto parlando del vino contraffatto e, più specificamente in questo esempio, del vino contraffatto in Cina”.

Eric Wade, redattore di Crypto Capital presso Stansberry Research

Ricordatemi ancora una volta: cos'è una NFT?

Se già conoscete la scena NFT e il modo in cui il mondo del vino sta rapidamente trovando casa, passate alla sezione successiva. sezione successiva . Per un rapido aggiornamento, continuate a leggere…

Ci piace questa definizione di NFT della CNN Business : “In termini più semplici, gli NFT trasformano le opere d’arte digitali e altri oggetti da collezione in beni unici e verificabili, facili da scambiare sulla blockchain”.

NFT è l’acronimo di “non-fungible token”, ovvero un bene che non ha una rappresentazione fisica nel mondo reale; un NFT è un bene puramente digitale collegato alla blockchain. E la blockchain? È il database digitale alla base delle criptovalute: Bitcoin, Ravencoin, Ethereum e altre.

È ampiamente riconosciuto che il mercato delle NFT valeva più di 25 miliardi di dollari nel 2021. Tra le vendite più preziose della NFT nel 2021 c’è stato un collage digitale dell’artista digitale americano Mike Winkelmann, venduto all’asta a marzo per 69,3 milioni di dollari. All’epoca, l’opera divenne uno dei pezzi d’arte più preziosi mai venduti da un artista vivente.

Mike Winkelmann Collage
Si riconosce inoltre che le contraffazioni e i falsi sono molto diffusi nel mercato NFT. Una piattaforma ha segnalato 90.000 potenziali falsi NFT in soli tre mesi. I marketplace NFT, come OpenSea, che ha ospitato la vendita NFT della collezione MY Earth di Michael Yamashita ( con autenticazione garantita dalle impronte digitali intelligenti di Laava ) stanno facendo il possibile per incoraggiare le segnalazioni di falsi e rimuoverli dalla vendita. Tuttavia, si tratta di un problema che non ha ancora una soluzione.

Cosa c'entrano le NFT con il vino?

Proprio come un’opera d’arte, una bottiglia di vino è unica e non può essere riprodotta. Quando pensiamo alle NFT, pensiamo alla rarità, all’esclusività, alla desiderabilità, alla tracciabilità: in breve, tutto ciò che si applica ai vini pregiati.

Il più prestigioso produttore di vino australiano, Penfold’s, ha lanciato un progetto NFT, che prevede la vendita di vini che non saranno imbottigliati fino alla fine del 2022 e che saranno commercializzati verso la fine del 2023. Trecento bottiglie di un singolo barile saranno vendute come futures sul vino, con ogni bottiglia identificata dal numero del barile e della bottiglia – con l’intero processo di imbottigliamento verificato attraverso la blockchain. Gli amanti del vino che acquistano l’NFT potranno riscattare il loro token per la bottiglia fisica una volta pronta, se prima non la rivendono o la trasferiscono. (Fonte: Hypebeast)

“La generazione Z e i millennial non vedono una separazione tra il mondo digitale e quello fisico, e queste generazioni sono quelle che creeranno le entrate future per gli Chateaux di Bordeaux… Mentre gli oggetti da collezione tradizionali sono creati e definiti dalle istituzioni e trovano valore nel loro potere di permanenza storica, gli oggetti da collezione moderni sono alimentati dall’opinione popolare e trovano valore nella domanda e nell’ingegno.”

Guillaume Jourdan , scrivendo per Jane Anson All’interno di Bordeaux

Come il marketplace di Vinsent crea l'autenticazione per gli NFT del vino

Sappiamo che il vino contraffatto è un problema enorme per i produttori di vino di tutto il mondo. Nel 2017, l’ufficio ufficiale per il vino della regione di Bordeaux ha affermato che ogni ora venivano vendute in Cina 30.000 bottiglie di vino falso importato. Hanno detto che molti venditori di vino cinesi affidabili hanno deciso di non tenere in stock alcuni vini francesi popolari, dato che i falsi erano così diffusi.

A parte la pratica di sbagliare l’etichetta o di riempire una bottiglia vuota con un prodotto di qualità inferiore, è impossibile sapere se un vino di valore è stato trattato correttamente. La conservazione e il trasporto sono fondamentali per far durare a lungo la qualità di un vino.

Anche il CEO di Laava , Gavin Gerin, ha provato in prima persona la delusione di acquistare una bottiglia di vino con un’etichetta sbagliata. (Per saperne di più, leggete il nostro post qui).

Eric Wade ha riferito che Vinsent mira a risolvere questi problemi con una combinazione di app mobile e tecnologia blockchain: vendere vini autentici e verificabili attraverso il proprio mercato e utilizzare la tecnologia blockchain per lanciare nuovi token.

“Questi gettoni vengono utilizzati per qualsiasi cosa, dal governo del territorio alla tracciabilità della proprietà di vini pregiati e alla facilitazione del passaggio di consegne dal produttore al cliente finale”, ha scritto Wade.

“Ogni commerciante di vino che utilizza la piattaforma può controllare i propri gettoni. Ciò significa che potete sempre sapere se il vostro token è autentico visitando un semplice sito web per vedere tutto ciò che è accaduto sulla blockchain.

“I commercianti di vino possono anche utilizzare il sistema di Vinsent per assegnare a ogni annata un proprio identificativo… In questo modo, è possibile sapere con certezza che una quantità limitata è proprio tale. Se il produttore offre 91 casse, ad esempio, saranno disponibili solo 91 gettoni”.

Vinsent Blog

E ora i futures sul vino… La tecnologia blockchain, combinata con il mercato verificato di Vinsent, significa che i produttori di vino possono vendere il loro vino prima che sia in bottiglia, e gli acquirenti possono avere un processo di autenticazione in ogni fase del processo, sia che finiscano con la bottiglia fisica o che negozino l’NFT prima che il bene fisico sia realizzato.

Laava fornisce il marchio di fiducia sul prodotto – e sulla blockchain – per le singole bottiglie di vino.

Nelle parole di Wade: “Una volta che una bottiglia è certificata, i clienti possono scansionare l’impronta digitale con i loro telefoni iOS o Android. Riceverete immediatamente una prova di autenticazione… E poi si può controllare la blockchain per assicurarsi che il certificato stesso sia autentico.

“In altre parole, oggi c’è ancora più attività vinicola sulla blockchain.

“Poiché molti dei vini presenti nell’app Vinsent non sono ancora stati immessi sul mercato (o spediti fisicamente), potrebbe trasformarsi in un mercato a termine negoziabile per il vino… Potenzialmente si potrebbe acquistare una cassa di vino come bene digitale, per poi venderla a un altro acquirente a un prezzo diverso prima di averla consegnata, il tutto mentre la cassa è conservata al sicuro nella cantina del produttore.”

“Vinsent è una piccola scommessa sul grande futuro del vino… Il token crittografico vi dà la piena proprietà di un bene di provata scarsità e di provata autenticità. E non c’è nemmeno bisogno di tenerlo in mano”.

Eric Wade, redattore di Crypto Capital presso Stansberry Research

Wade prosegue: “I consumatori vivranno presto in un mondo in cui si troveranno di fronte a una scelta per ogni acquisto che faranno… Possono comprare qualcosa che sia completamente tracciabile e verificabile, oppure possono comprare qualcosa di economico da un tizio all’angolo della strada più vicino.

“Mi sembra ovvio che la versione tracciabile sia molto più desiderabile.

Questo è particolarmente vero se è in gioco il vostro lavoro, il vostro denaro o i profitti della vostra azienda…”. Dagli estintori ai pezzi di ricambio per i motori degli aerei, fino agli airbag delle automobili, potremmo pensare a un milione di esempi diversi per i quali solo il pezzo autentico è sufficiente.

“Presto arriverà il momento in cui questa tecnologia sarà ovunque. Farà molto di più che aiutarci a verificare l’autenticità del vino o di altri beni essenziali per la nostra vita quotidiana”.

Volete saperne di più su come la vostra azienda può utilizzare le impronte digitali intelligenti Laava per la tracciabilità, la rintracciabilità, la protezione dalla contraffazione e altro ancora? Contattateci oggi stesso o registrarsi per un account Laava Manage gratuito.

Per saperne di più su come Laava può proteggere il vostro marchio dalla contraffazione e creare un legame e una fedeltà con i clienti, contattate il nostro team oggi stesso.